Nasce la filiera bio dei frutti rossi con la cooperativa di comunità del Ceresa

La spinta dei frutti rossi è un nuovo progetto che nasce alle pendici del Ceresa. La coltivazione di frutti rossi da commercializzare è finalmente in fase operativa grazie al contributo di 7000 euro del Comitato Sisma Centro Italia (Confindustria, CGIL, CISL, UIL) che vede la sinergia tra l’ecomuseo, la cooperativa di Comunità del Ceresa e il Comune di Roccafluvione e si svolgerà in alcuni terreni della frazione Agelli concessi in comodato all’associazione e in un terreno messo a disposizione dal comune.

Il progetto, nato per guardare con spirito positivo ad uno sviluppo agricolo sostenibile per l’entroterra piceno, recuperando prodotti che ben si adattano alle caratteristiche ambientali del nostro territorio, prevede un’iniziale piantumazione di circa 500 piante di lamponi e frutti rossi a cura della cooperativa di comunità del Ceresa.

La cooperativa, con sede a Roccafluvione (Ascoli Piceno), nasce all’indomani del sisma del centro Italia grazie al bando Centro Italia Reload – rigenerare comunità nelle terre del Rinascimento Italiano, con l’obiettivo di favorire processi di coesione sociale e sviluppo sostenibile, creando nuove opportunità di lavoro che promuovano la collaborazione tra i membri della comunità, in un territorio a elevato rischio di spopolamento e abbandono che il terremoto ha accelerato.
Oltre alla creazione della filiera bio dei frutti rossi, la cooperativa sarà attiva nella manutenzione dei boschi, riattivazione dei vecchi castagneti, valorizzazione del Marrone del Ceresa, reintroduzione della canapa, manutenzione dei sentieri e creazione di una struttura ricettiva multifunzionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.